1998883354

Nell’ambito dei servizi di prossimità, previsti dall’articolo 38 della legge regionale N. 12/2006, il servizio di Buon vicinato consiste in una attività di volontariato che ha il precipuo scopo di contribuire a mantenere la persona nel proprio contesto socio-familiare.

L’attività del “buon vicino” consiste nell’esplicare attività di supporto, nella quotidiana vita di relazione, all’utente il tutto nell’ambito di un progetto assistenziale individualizzato predisposto dall’Assistente sociale di riferimento il quale dovrà prevedere:

  • Le prestazioni volontariamente messe a disposizione dal “Buon vicino” e il relativo impegno orario;
  • La valutazione circa l’idoneità del “buon vicino” in relazione al progetto;
  • Le modalità di valutazione del progetto e i relativi tempi di attuazione;
  • L’importo del contributo eventualmente da corrispondere al “buon vicino” e la precisazione che l’attività prestata dallo stesso non è riconducibile ad attività lavorativa, ma ad una mera attività volontaria , peraltro circoscritta nel tempo;
  • La sottoscrizione in calce per accettazione del progetto da parte dell’utente e del “buon vicino”;

Il progetto di “buon vicinato” verrà quindi formalizzato tramite apposita determinazione dirigenziale la quale quantificherà eventualmente anche il relativo impegno economico da parte del Servizio Sociale.

torna all'inizio del contenuto